Occuparsi di una vera cultura per le pari opportunità.
Abbattere gli stereotipi e gli schemi che creano disparità.
Cultura del rispetto e dei diritti umani.
Impronte Femminili prima che una rassegna di arte, cultura e narrativa per le Pari Opportunità e i Diritti Umani è un esperimento riuscito di dialogo tra linguaggi e territori, oltre che di collaborazione tra donne.
L’idea di coinvolgerne ogni anno tantissime, mettendole in dialogo tra loro sui temi, quali protagoniste dei numerosi e diversificati appuntamenti in Provincia, è stata una sfida notevole; uno sforzo organizzativo e concettuale capace, sin dai primi passi, di tracciare un percorso virtuoso che in modo quasi spontaneo ha prodotto gratificanti, nonché interessanti risultati in termini di offerta culturale, qualità dell’approfondimento e pubblico coinvolto. Appuntamenti eterogenei per le modalità d’incontro e per la proposta, hanno avuto l’obbiettivo strategico e primario di diffondere in modo mirato, capillare e partecipato la cultura del rispetto e dei diritti umani in senso lato, nel territorio della Valle del Metauro con Fano Comune capofila ma soprattutto di occuparsi di una vera cultura per le pari opportunità, intesa nella sua originale accezione: cioè nel principio giuridico, quale condizione di assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse al genere, religione, convinzioni personali, razza ed origine etnica, disabilità, età, orientamento sessuale o politico. Sostenuta sin dalla sua prima edizione della Commissione Pari Opportunità della Regione Marche in collaborazione con otto Comuni (Fano, San Costanzo, Mondavio, Fossombrone, Fermignano, Urbania, Urbino, Borgo Pace) la rassegna ha prodotto importanti momenti di condivisione e approfondimento ed ha restituito il profilo di un territorio eterogeneo non sempre preparato al dibattito su questi temi e sulla cultura delle pari opportunità, sintomo questo di una comunità che ha bisogno di un lavoro svolto non solo dal tessuto associativo locale, molto attivo e propositivo ma anche dalle Istituzioni. Iniziata nel 2018 ha proseguito l’esperienza riproponendosi nella seconda edizione nel 2019 (marzo-maggio) crescendo e coinvolgendo altri 4 Comuni (Cagli-Apecchio-Cantiano-Serra Sant’Abbondio) arrivando così a 12 per più di 30 appuntamenti. Stessa cosa per la terza edizione nel 2020 con oltre 40 appuntamenti (marzo/metà giugno) che si è dovuta ripensare in corsa nella forma spostandosi online a causa dell’improvvisa irruzione della pandemia da Covid-19. La quarta edizione del 2021 (marzo-luglio) alla quale si aggiunge anche il Comune di Pergola arrivando così al coinvolgimento di 13 Comuni, si va sviluppando nella duplice veste di appuntamenti online e in presenza e nonostante le difficoltà del periodo consolida la ricerca e la struttura. Impronte Femminili si definisce in un format molto eterogeneo nel quale si susseguono presentazioni di libri con autrici di spessore, spettacoli teatrali che sperimentano sia la ricerca del soggetto che del luogo nel quale si collocano, conferenze di settore, laboratori per i più piccoli, cineforum, momenti musicali come anche incontri più informali nei quali difronte ad un aperitivo ci si trova insieme a confrontarsi con sanitari o esperti su questioni legate alla medicina di genere. Lo sforzo di differenziare i linguaggi persegue l’obbiettivo di arrivare ad una platea, o meglio ad una comunità, quanto più vasta e differenziata: bambine e bambini, adolescenti, adulti dalla formazione culturale ed ideologica quanto più differenti, ci si sforza di parlare alla casalinga curiosa come al pensionato con consolidate visioni del mondo, per diffondere in modo trasversale la cultura del rispetto, i principi di parità di genere e la passione per i diritti umani. Non va trascurato quello che è un grande sforzo di “democratizzazione” andando a creare momenti di approfondimento anche in Comuni più piccoli e delle aree interne che altrimenti faticherebbero ad organizzarsi in modo autonomo sull’argomento. Ospiti di rilievo nazionale ed internazionale e protagoniste/rivelazioni del territorio impegnate verso gli stessi obiettivi: abbattere gli stereotipi e gli schemi che creano disparità per minare alla base la cultura della prevaricazione e proporre nuovi schemi fondati sulla cultura del rispetto, della pluralità e la libertà di essere ciò che si é. Un cammino avvincente quello dei diritti che ha origini lontane e che molto lontano ancora deve portarci, un cammino che merita di essere percorso insieme e con pienezza.”

In questa quarta edizione la rassegna Impronte Femminili oltre ad occuparsi di Pari Opportunità e Diritti estende la sua attenzione ai Diritti della Madre Terra con la consapevolezza che per garantire i diritti umani è necessario riconoscere e difendere anche i diritti del pianeta che abitiamo e di tutte le sue creature, altresì consapevoli dell’urgenza di intraprendere un’azione collettiva risolutiva per trasformare le strutture e i sistemi che provocano il cambiamento climatico e le altre minacce per l’ecosistema.

In riferimento alle definizioni di Max Strata sul concetto di “Ecologia Integrale” si può affermare che esiste un’antica e densa tradizione al femminile, talvolta poco codificata ma straordinariamente ricca, che lungo linee matricentriche ha da sempre posto una primaria attenzione al rapporto con la “terra madre”: così nelle culture ancestrali, nelle ritualità secolarizzate, nelle pratiche familiari, nelle comunità impegnate nella conservazione della diversità biologica, nell’educazione ambientale, nella evoluzione dal basso di processi partecipativi, nell’organizzazione e nel coordinamento di gruppi per la difesa della terra.

Nel raccontare il perché ha fondato l’Università della Terra, Vandana Shiva spiega che questa si basa sull’unione e sulla compassione.

Storicamente, laddove esiste una innata sensibilità verso la sacralità della natura e una pratica ecologica di base, questa è al femminile.

Nel suo incedere, l’Ecologia Integrale esprime dunque un radicalismo che può ben rappresentare la solida base di un pensiero decisamente moderno che è anche frutto dell’assorbimento e dell’elaborazione di idee e di tradizioni secolari, laiche e spirituali. Non è casuale infatti che alcuni tra i più importanti leader religiosi pongano in evidenza l’urgenza di una “riconciliazione” con la natura che passa necessariamente attraverso una modificazione dei rapporti sociali tra gli esseri umani. Non è un caso, se il termine “conversione ecologica” coniato da Alex Langer (per significare sia l’esigenza del cambiamento individuale, sia quella di una modificazione strutturale della produzione per eliminare l’aggressione alle risorse naturali e lo sfruttamento di donne e uomini per ricondurre l’attività e la convivenza umana entro i limiti della sostenibilità sociale e ambientale) sia stato ripreso e sottoscritto nell’enciclica “Laudato sì” di Jorge M. Bergoglio. Un documento (accolto assai tiepidamente) che coglie pienamente la gravità e al tempo stesso l’opportunità offerta da questo momento storico e che inquadra il fatto che “non ci sono due crisi separate, una ambientale e un’altra sociale, bensì una sola e complessa crisi socio-ambientale.”

Sara Cucchiarini,
curatrice Impronte Femminili

Video Playlist
1/33 videos
"Figure, pensieri, ecosistemi. La voce delle illustratrici"
"Figure, pensieri, ecosistemi. La voce delle illustratrici"
59:55
"DANZA INCLUSIVA INTEGRATA: CHANGE OF PROSPECTIVE"
"DANZA INCLUSIVA INTEGRATA: CHANGE OF PROSPECTIVE"
01:23:06
“Agenda 2030 ONU e l'ecologia integrale: quali prospettive”
“Agenda 2030 ONU e l'ecologia integrale: quali prospettive”
40:24
Sei stato ghostato? Non fare il sottone!  Ghosting e stalking.
Sei stato ghostato? Non fare il sottone! Ghosting e stalking.
01:31:22
“Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo”
“Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo”
01:19:42
“L'antimafia è donna”  con Cinzia Paolillo, Irene Calesini e Cinzia Piccoli
“L'antimafia è donna” con Cinzia Paolillo, Irene Calesini e Cinzia Piccoli
01:20:23
“Alimentazione etica e abitudini sostenibili”
“Alimentazione etica e abitudini sostenibili”
01:02:44
"Tacete o maschi. Sguardi contemporanei sulle poetesse marchigiane del '300”
"Tacete o maschi. Sguardi contemporanei sulle poetesse marchigiane del '300”
01:18:06
“Cucina Botanica: direzione plant-based” Carlotta Perego dialoga con Sabrina Peroni
“Cucina Botanica: direzione plant-based” Carlotta Perego dialoga con Sabrina Peroni
01:04:07
“Una Tata che cucina: il fiabaricettario per genitori e figliə che mettono le mani in pasta!”
“Una Tata che cucina: il fiabaricettario per genitori e figliə che mettono le mani in pasta!”
54:07
“Cuoche combattenti e Quid moda etica: percorsi di rinascita esempi di economia sociale”
“Cuoche combattenti e Quid moda etica: percorsi di rinascita esempi di economia sociale”
01:43:19
"Chiara Ferragni. Filosofia di una influencer” Lucrezia Ercoli dialoga con Elisabetta Liz Marsigli
"Chiara Ferragni. Filosofia di una influencer” Lucrezia Ercoli dialoga con Elisabetta Liz Marsigli
01:10:43
“La danza delle ombre felici. Madri e matrigne nella letteratura e nell'immaginario”
“La danza delle ombre felici. Madri e matrigne nella letteratura e nell'immaginario”
01:05:55
Diario di una striker. Io e Greta per il clima con Federica GASBARRO e Silvia MORELLI
Diario di una striker. Io e Greta per il clima con Federica GASBARRO e Silvia MORELLI
01:03:19
GIUSTIZIA RELATIVA E PENA ASSOLUTA con Silvia CECCHI e Chiara GASPARINI (PARTE 2^)
GIUSTIZIA RELATIVA E PENA ASSOLUTA con Silvia CECCHI e Chiara GASPARINI (PARTE 2^)
25:09
Giustizia relativa e pena assoluta con Silvia CECCHI e Chiara GASPARINI
Giustizia relativa e pena assoluta con Silvia CECCHI e Chiara GASPARINI
49:35
TEENAGER IN LOVE con Silvia MORELLI e Giovanni DI BARI modera Clelia RAFFAELE
TEENAGER IN LOVE con Silvia MORELLI e Giovanni DI BARI modera Clelia RAFFAELE
01:10:36
Il Potere del manifesto d'Artista con Rebecca LISOTTA, Emanuela ORCIARI e Paola GENNARI
Il Potere del manifesto d'Artista con Rebecca LISOTTA, Emanuela ORCIARI e Paola GENNARI
01:15:56
CONCERTO SEGRETO DELLE DAME con Giovanna DONNINI
CONCERTO SEGRETO DELLE DAME con Giovanna DONNINI
01:36:19
Monetizzare l'inclusione: dal REI al reddito di cittadinanza
Monetizzare l'inclusione: dal REI al reddito di cittadinanza
01:35:06
Doppio carico: storie di operaie con Loriana LUCCIARINI, Cinzia MASSETTI e Daniela BARBARESI
Doppio carico: storie di operaie con Loriana LUCCIARINI, Cinzia MASSETTI e Daniela BARBARESI
01:48:33
1920-2020 NILDE IOTTI: una storia politica femminile con l'On LIVIA TURCO
1920-2020 NILDE IOTTI: una storia politica femminile con l'On LIVIA TURCO
01:57:19
Giunone si presenta: la violenza all'interno della coppia
Giunone si presenta: la violenza all'interno della coppia
01:49:12
Il Mito della Donna Selvaggia con Paola CORRADINI e Alida LORENZETTI
Il Mito della Donna Selvaggia con Paola CORRADINI e Alida LORENZETTI
01:19:39
Rifiorire nella Femminilità con Gabriella FRATTINI, Clelia RAFFAELE e Mirella MONTALBANO
Rifiorire nella Femminilità con Gabriella FRATTINI, Clelia RAFFAELE e Mirella MONTALBANO
01:11:21
Non Siamo in Vendita - Irene CIAMBEZI e Anna BRACCI
Non Siamo in Vendita - Irene CIAMBEZI e Anna BRACCI
01:08:01
Il Silenzio del Mare -  Asmae DACHAN e Antonella CIARONI
Il Silenzio del Mare - Asmae DACHAN e Antonella CIARONI
01:22:39
Fondotinta - Francesca Tombari e Monica Garibbo
Fondotinta - Francesca Tombari e Monica Garibbo
01:19:55
Quando l'amore non è una favola. Giorgia Giacani e Milena Scaramucci
Quando l'amore non è una favola. Giorgia Giacani e Milena Scaramucci
17:37
I Sapori della Seduzione - Gabriella ROMANO e Cinzia MASSETTI
I Sapori della Seduzione - Gabriella ROMANO e Cinzia MASSETTI
01:12:34
Ognuno riconosce i suoi - Elena RAUSA e Maura MAIOLI
Ognuno riconosce i suoi - Elena RAUSA e Maura MAIOLI
01:17:59
"In solitaria" Eleonora GOIO e Romina PIERANTONI
"In solitaria" Eleonora GOIO e Romina PIERANTONI
01:15:37
"Gargano negli occhi"  Lucia Tancredi e Gaia Petrone - Impronte Femminili
"Gargano negli occhi" Lucia Tancredi e Gaia Petrone - Impronte Femminili
01:41:11